CASS. SSUU N. 758 DEL 12/01/2022:

Le Sezioni Unite, pronunciando su questione di massima e di particolare importanza, hanno affermato che nei procedimenti “semplificati” disciplinati dal d.lgs. n. 150 del 2011, nel caso in cui l’atto introduttivo sia proposto con citazione, anziché con ricorso, il procedimento - a norma dell’art. 4 dello stesso decreto - è correttamente instaurato se la citazione sia notificata...

Litisconsorzio nelle opposizioni a cartella esattoriale

Con la sentenza n. 10669/2019, la Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo il quale il contribuente può agire indifferentemente nei confronti dell’ente impositore o dell’agente della riscossione, senza che sia configurabile alcun litisconsorzio necessario, essendo rimessa all’agente della riscossione la facoltà di chiamare in giudizio l’ente impositore. Se la legittimazione...

Sanzioni amministrative: responsabilità solidale del proprietario del veicolo a noleggio.

In tema di sanzioni amministrative pecuniarie per infrazioni stradali relative a vetture concesse in noleggio, il locatore del veicolo è responsabile in solido con il locatario ed il conducente, giacché l’art. 196 del codice della strada, pur menzionando esclusivamente il locatario, intende assicurare il pagamento di un soggetto agevolmente identificabile, mentre l’identità del locatario,...

Art. 126 bis codice della strada – Obbligo del proprietario del veicolo di comunicare i dati del conducente – Incapacità del proprietario di identificare il conducente – Esenzione dalla responsabilità – Ammissibilità.

  Ai fini dell'applicazione dell'art. 126 bis codice della strada occorre distinguere il comportamento di chi si disinteressi della richiesta di comunicare i dati del conducente, non ottemperando, così, in alcun modo all'invito rivoltogli (contegno per ciò solo meritevole di sanzione) e la condotta di chi abbia fornito una dichiarazione di contenuto negativo, sulla base di giustificazioni, la...

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza n. 4425/18; depositata il 23 febbraio

E’ il giudice di pace a decidere sull’opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza n. 4425/18; depositata il 23 febbraio) Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza 15 dicembre 2017 – 23 febbraio 2018, n. 4425 Presidente D’Ascola – Relatore Scalisi Fatti di causa Con ricorso, proposto in data...
WordPress Cookie Plugin by Real Cookie Banner